0372.730.333 info@fasulin.com
2020

Edizione 2020 confermata

- - -

Edizione in tono minore per non perdere la tradizione e all'insegna della sicurezza.

Due weekend:

Sabato 24
Domenica 25 Ottobre
Sabato 31 Ottobre
Domenica 1 Novembre

La 28^ edizione dei 'Fasulin de l'òc cun le cudeghe' di Pizzighettone si farà. Anche se con una modalità e una logistica totalmente diverse rispetto al passato. E ovviamente con tutti gli accorgimenti sanitari necessari.

Dopo vari incontri e confronti il consiglio direttivo del Gruppo Volontari Mura Pizzighettone onlus ha deciso per una riconferma della tradizione. Anche per lanciare un segnale positivo. Pur con tutte le cautele del caso.

Cosa cambierà sul fronte prettamente gastronomico?
Innanzi tutto il menù, che comprenderà un solo piatto: i 'Fasulin de l'òc cun le cudeghe' (come sempre disponibili anche nella classe versione da asporto), che quest'anno avranno un'attenzione esclusiva. Verranno invece eliminati tutti gli altri piatti inseriti solitamente nella classica proposta gastronomica. Quest'anno dunque i riflettori saranno puntati esclusivamente sul piatto 'principe' delle solennità dei Defunti.

Gli oltre 40 quintali di Fasulin raccolti di recente a Pizzighettone saranno dunque l'ingrediente del piatto tipico cucinato nei giorni della maratona gastronomica ma saranno anche come sempre a disposizione nella classica confezione brandizzata, oltre che dei visitatori, anche dei ristoratori, commercianti e negozianti cremonesi che ne faranno richiesta per tempo. Come sempre le confezioni del Fagiolino dall'Occhio di Pizzighettone da agricoltura locale coltivati dalla locale azienda agricola di Franco e Massimo Sciaretta saranno a disposizione per diventare anche quest'anno protagonisti di cesti e strenne natalizie accanto a tipicità locali (come il tipico liquore Sbùrlòn) e cremonesi in genere.

Non mancherà poi la mescita di acqua, vino e bevande, tutto in confezioni sigillate.
Per quest'anno (per evidenti motivi igienici) le classiche scodelle di ceramica logate verranno messe da parte appannaggio di contenitori biodegradabili (mater-bi) monouso. Una scelta di campo ecologica che il Gruppo Volontari Mura adotta già da due anni per tutte le stoviglie della maratona gastronomica, pur con costi decisamente più elevati.

Invariata la location.
Le Casematte delle Mura di via Boneschi. Con posti decisamente ridotti rispetto al passato per rispettare il distanziamento. E le mura, con i molti ambienti quest'anno a disposizione, offrono la possibilità di una somministrazione in modalità 'sicura'. La riduzione dei piatti evita infatti di creare le classiche isole per la distribuzione degli altri in menù appannaggio di posti a sedere per la degustazione,

Opportunamente distanziati.
Gli ingressi saranno contingentati e l'accesso alla degustazione sarà esclusivamente su prenotazione.

L'evento 2019 è stato completamente 'Plastic Free'

- - -

La manifestazione 'Fasulin de l'òc cun le cudeghe' sarà completamente 'Plastic Free' con stoviglie biodegradabili, scodelle di ceramica lavabili per i Fasulin (in uso da sempre) e bottiglie di acqua in vetro (il vino lo era già!). Una scelta di campo che, anche se decisamente più costosa e complicata, va nella direzione e vuole sottolineare la grande sensibilità degli organizzatori del Gruppo Volontari Mura a favore dell'ambiente.

La scodella dei Fasulin

Scodella in ceramica "Made by Tognana", Italia

La Scodella in ceramica col logo dei Fasulin, in cui viene servito il nostro piatto tipico, quest'anno sarà in modo particolare sotto i riflettori. Da quest'anno infatti viene introdotta una cauzione per la scodella in ceramica (made by Tognana, Italy): la cauzione (5 euro) la si pagherà alla cassa al momento dell'ordine (con la consegna di una contromarca) e dopo la consumazione la si potrà restituire all'uscita (e riavere la cauzione dietro presentazione anche della contromarca) o chiedere di poterla acquistare (caso in cui la cauzione non verrà restituita e verrà invece consegnata una tazza pulita in cambio di quella consegnata usata). Il meccanismo della cauzione è stata una strada obbligata per evitare il ripetersi di un fatto spiacevole, riscontrato da parecchi anni ad ogni edizione: numerose tazze logate vengano infatti purtroppo 'rubate' come souvenir a ricordo dell'evento. Una nota di pregio da una parte, che conferma la notorietà della nostra maratona gastronomica, ma che dall'altra ci porta ad un ammanco di circa 300 scodelle ad ogni edizione, con relativo dispendio economico.

il vero sapore
della tradizione
il vero sapore
della tradizione
il vero sapore
della tradizione
il vero sapore
della tradizione

Un esercito di Volontari al lavoro

Gruppo Volontati Mura Pizzighettone

Per la rassegna al lavoro ci sono oltre 250 Volontari Pizzighettonesi di tutte le età, impegnati in vari ruoli e mansioni e nei diversi turni, affiancati allo staff che si occupa dell'organizzazione generale della maratona gastronomica la cui macchina organizzativa si mette in moto circa sei mesi prima dell'evento. Una vera e propria 'comunità del cibo' e del buon mangiare genuino!

La preparazione del piatto si basa sull'antica ricetta, ancora oggi gelosamente custodita dalle provette cuoche volontarie, mamme e nonne del borgo, che ogni anno sono dietro i fornelli della grande cucina professionale realizzata dal Gruppo Volontari Mura Pizzighettone onlus appositamente per la preparazione del piatto, seguendo una lunga e meticolosa preparazione che parte da una attenta e scrupolosa scelta delle materie prime tutte di origine locale: cotenne di maiali del territorio di sicura e certificata provenienza (pulite, lessate, rasate e ridotte a striscioline con un processo ancora oggi del tutto manuale), carni miste (maiale, manzo, vitello), verdure, brodo di carni e Fagiolini dall'Occhio di Pizzighettone.

Un GRAZIE anticipato a tutti i volontari che sostengo questa manifestazione!

Gallery